Stampa

Perchè si forma il grasso addominale e come si fa a dimagrire SOLO la pancia?

Gold-collagen

''Il grasso addominale è una problematica tipica di chi ha il fisico a mela. Aldilà dell'aspetto estetico, un girovita importante va combattuto sul nascere perché è il primo fattore di rischio della sindrome metabolica. Per eliminare il grasso (anche) a livello dell'addome occorre agire su due fronti: l'alimentazione e l'attività fisica.

«Parlando di grasso addominale dobbiamo distinguere il tessuto adiposo che si deposita in profondità a livello centrale - la cosiddetta forma a mela - da quello che si deposita sulla pancia a livello superficiale. Il primo rappresenta un elemento di rischio metabolico importante e che spesso si associa a problematiche come l’ipertensione, la dislipidemia e il diabete, il secondo, oltre a essere un fastidioso inestetismo, può rappresentare un campanello d’allarme se associato a depositi più profondi. La tendenza ad accumulare grasso in punti particolari può essere genetica oppure essere influenzata da condizioni metaboliche particolari come il diabete o cambiamenti ormonali come la menopausa. Non esistono alimenti o diete che in modo selettivo possano fare dimagrire a livello addominale, piuttosto che a livello di fianchi o cosce. Una soluzione efficace è unire a una dieta ipocalorica su misura un'attività fisica ad hoc», spiega la dottoressa Elisabetta Macorsini, biologa nutrizionista.

«Per eliminare il grasso addominale, ma il grasso corporeo in generale, è necessario non assumere alcuna forma di zucchero artificiale, bibite dolcificate, alcolici e farinacei. Mangiare più proteine è una strategia testata per ridurre il grasso. Un altro consiglio è mangiare cibi ricchi di fibre, come patate dolci e carote. La buccia di semi di Psyllium è una buona fonte di fibre sia solubile sia insolubile. Consiglio di bere 200 ml di acqua con 2 cucchiaini di semi di Psyllium prima di andare a dormire. Al mattino, appena svegli, bere un bicchiere d’acqua con alcune gocce di limone e un cucchiaino di cannella», aggiunge Vidhi Patel, nutrizionista e consulente del dipartimento di ricerca e sviluppo di Minerva Research Labs a Londra [...].''

 

Leggi l'articolo completo qui.